Ultima news: [CONVOCAZIONE ASSEMBLEA DEI SOCI GET CULTNATURA – DOMENICA 1 MARZO 2020]

GET Cultnatura

FIE - Federazione Italiana Escursionismo Sentiero del Mediterraneo E12 ERA - Eurorando FIE - Federazione Italiana Escursionismo - CAMPANIA
IL GET SI MUOVE...MUOVITI CON IL GET!
Logo GetTrek

Foto news singola (x fb) 3

Luogo di ritrovo: Stazione FFSS di Diamante – Buonvicino;
Orario appuntamento: ore 08:20;
Orario inizio escursione: ore 08:30;
Referenti: Fabrizio Cavaliere AEN (cell. 338 86 11 474) e Antonio Federico AER (cell. 348 26 35 109).
 
Note tecniche sul percorso
Durata: intera giornata;
Difficoltà: E/T;
Dislivello: +/- 250 mt.;
Lunghezza: 13 km circa per l’escursione alla grotta (più visita dei Murales a Diamante).
 
Consigli utili
Pranzo a sacco a cura dei partecipanti;
Dotarsi di acqua a sufficienza (almeno 1,5 litri);
Obbligatorie scarpe da escursionismo alte e indumenti adatti al periodo con attenzione al meteo (vento, pioggia, freddo, etc.).
 
Descrizione del percorso
L’escursione inizia alle 8.30 dalla Stazione FFSS di Diamante – Buonvicino (dove si arriverà con il treno Regionale 3449 come indicato nelle note) in direzione della valle del Corvino.
Il percorso ha una grande valenza storica e religiosa oltre che naturalistica. I luoghi che si percorreranno, dove gli antichi greci si rifugiarono per sfuggire alle guerre, rimandano ai tempi di Annibale che, secondo autorevoli fonti, percorse la Via Istmica che collegava il Tirreno con lo Ionio. La Via Istmica è proprio quella che attraversa la Valle del Corvino.
Insieme agli Amici di ENOTRIA TREKKING, si percorrerà la valle seguendo il corso del fiume, ammirando i maestosi e secolari pioppi neri che svettano sulla vegetazione della valle; un caratteristico tunnel “verde” composto da un canneto e rovi introduce al territorio di Buonvicino. Il borgo ospita una delle ultime cedriere rimanenti nella valle e il monumento dedicato a San Ciriaco, patrono di Buonvicino. La statua, posta in posizione dominante sull’abitato, sembra rivolgere lo sguardo su Piano Romano e sull’imponente “picco del diavolo”, ove si possono osservare in volo i grandi rapaci della valle come la poiana e il corvo imperiale, oltre che alcune grotte. Proseguendo il cammino si arriva alle Grotte di S. Ciriaco, luogo dove il Santo pregava da giovane. All’interno delle grotte la natura ha creato un’atmosfera magica e rilassante, sensazione amplificata dal suono dell’acqua che cade a cascata dai lati della grotta e al letto del fiume Corvino che taglia in due la grotta, (fiume che nasce sul massiccio della Montea 1825 mt.).
A brevissima distanza, si trova una piccola chiesa edificata nel luogo dove San Ciriaco si ritirò in preghiera. La Chiesa fu costruita tra il 1930 e il 1935, grazie al sacerdote Ciriaco Liserre e alla devozione dei fedeli. La piccola chiesa bianca presenta un campanile le cui campane sono state fuse a Napoli.
Di ritorno a Diamante si percorreranno le strade cittadine per ammirare i murales. L’idea dei “Murales” è dovuta al pittore Nani Razetti, milanese, ma diamantese di adozione, il quale propose al sindaco del tempo, Ing. Evasio Pascale, un progetto teso alla rivitalizzazione del centro storico. L’Operazione Murales, iniziata nel 1981, portò a Diamante, dall’Italia e dall’Estero, ottantatre pittori, che nel mese di giugno iniziarono a dipingere sui muri del centro storico, diventati per l’occasione delle grandi tele. Questa iniziativa ha fatto rinascere nella gente che vi abita il gusto della conservazione del proprio passato, un’idea viva e forte che proietti nel futuro. Molto suggestivo risulterà, al suo compimento, il Murales a mosaico, dei coniugi Michele ed Angiolina Sposito di Ferrara, sito in via Alfieri, sulla parete esterna della Chiesa Madre. Il mosaico racconta l’antica storia della Calabria, dal ritrovamento del graffito del “Toro di Papasidero” fino alla civiltà contemporanea dei contadini e dei pescatori. Nell’ottobre del 1999 i due artisti hanno realizzato un successivo pezzo, da aggiungere al mosaico originario, raffigurante l’immagine dell’Immacolata. Dal 1986 al 1997 altri murales si sono aggiunti agli ottantacinque originari ed altri vengono realizzati ogni anno. Da menzionare la cosiddetta operazione OSA Street Art che dal 2017 ha aggiunto opere di Street Art che colorano le mura del borgo.
 
Note
Orario dei Treni
 Andata: Regionale 3449 con arrivo a Diamante alle ore 08,16.
  Principali fermate: Vallo della Lucania-Castelnuovo (06,48); Ascea (06,56); Centola-Palinuro-Marina di Camerota (07,12); Sapri (07,37);
 Ritorno: Regionale 2334 partenza da Diamante alle ore 18,02.
  Principali fermate: Sapri (18,50) – Centola/Palinuro/Marina di Camerota (19,07); Ascea (19,23); Vallo della Lucania/Castelnuovo (19,30);
SI RACCOMANDA DI DOTARSI PER TEMPO DEI BIGLIETTI PER IL VIAGGIO DI ANDATA E PER IL RITORNO.
 
La partecipazione è gratuita per i tesserati FIE, mentre per i non tesserati è previsto un contributo assicurativo di € 5,00, previa obbligatoria comunicazione ai referenti dei propri dati anagrafici e del codice fiscale entro le ore 14,00 di sabato 11 gennaio 2020.
 
I referenti di escursione si riservano di modificare programma e percorso comunicandolo tramite il sito www.gettrek.it, sul gruppo facebook GET- Gruppo Escursionistico Trekking CULTNATURA- Rofrano (SA) e sulla pagina facebook G E T Cultnatura.
 
Per qualsiasi altra informazione puoi contattare i referenti dell’escursione, scrivere all’indirizzo info@gettrek.it o utilizzare l’apposito modulo, presente sul nostro sito.
 


Foto di copertina tratte dal web

Categoria: Escursioni

Comments are closed.