Ultima news: [RAIA DEL PEDALE – Domenica 12 novembre 2017]

GET Cultnatura

FIE - Federazione Italiana Escursionismo Sentiero del Mediterraneo E12 ERA - Eurorando FIE - Federazione Italiana Escursionismo - CAMPANIA
IL GET SI MUOVE...MUOVITI CON IL GET!
Logo GetTrek
FacebookTwitterGoogle+LinkedInGoogle GmailOknotizieYahoo MailPinterest

La Raia del Pedale - News

Itinerario: ascensione alla Raia del Pedale;
Luogo di ritrovo: in Via Roma a Rofrano per chi proviene da Vallo della Lucania e da Centola; Croce di Sanza (valico sulla SP 18) per chi proviene dal Vallo di Diano e da Sapri;
Orario appuntamento: ore 08:15 a Rofrano; ore 8:45 alla Croce di Sanza (passo sulla SP 18, tratto da Rofrano a Sanza);
Partenza Escursione: ore 08:50;
Referenti: Mimmo Pandolfo (cell. 347 94 97 391) e Roberto Catapano (cell. 334 63 15 862).
 
Note tecniche sul percorso
Durata: intera giornata;
Difficoltà: E+ (Escursionistica con difficoltà legate al dislivello e al fondo del sentiero);
Dislivello: percorso 1): 784 mt in salita; percorso 2): 656 mt in salita;
Lunghezza: circa 11 km a+r;
Tempo di percorrenza: 6:30 ore pause comprese.
 
Pranzo a sacco a cura dei partecipanti;
Importante!!! Dotarsi di acqua a sufficienza (almeno 1,5 litri) – il percorso è privo di sorgenti;
Obbligatorie scarpe da escursionismo e indumenti adatti con attenzione al meteo (vento, pioggia, freddo, etc.). Attenzione: alta montagna, per cui le condizioni del tempo possono essere molto variabili!
 
Descrizione del percorso
L’escursione è dedicata alla commemorazione di quattro nostri Amici escursionisti prematuramente scomparsi: Marco Tarallo di Torino; Venturino Forte di Sanza; Michele Galatro di Buonabitacolo e Gennaro Buccino di Casal Velino.
 
Preliminarmente occorre evidenziare che in dipendenza della preparazione e abilità tecniche dei partecipanti i referenti dell’escursione potranno decidere, al momento e se richiesto, di effettuare due percorsi: uno con maggiore dislivello e acclività del percorso che si sviluppa su tracce di sentiero, l’altro caratterizzato da minore dislivello e da maggiore facilità di percorrenza, visto che gran parte del percorso si sviluppa su strada sterrata.
Di seguito la descrizione dei due tracciati.
 
1) Percorso più impegnativo. Partenza quota 737; arrivo quota 1.521. Il percorso prende origine alla Località Pescara della Grava e si sviluppa per la sua quasi totale interezza sul versante Ovest della piramide naturale richiamata dalla conformazione fisica della Raia del Pedale. E’ un percorso caratterizzato da quasi totale assenza di tracce evidenti di sentiero, da acclività accentuata e da un andamento a zig-zag (a causa della pendenza del sito). La salita si sviluppa per lo più lungo il crinale che, in maniera netta, costituisce una sorta di delimitazione del versante che è rivolto verso l’abitato di Rofrano da quello che guarda verso le sorgenti del Fiume Mingardo. Il notevole colpo d’occhio sul paesaggio dell’Alta Valle del Mingardo e sulla giogaia del Monte Gelbison accompagna costantemente l’escursionista. L’erta salita si ammorbidisce in prossimità della vetta (quota 1.474), quando la direzione del percorso piega verso sinistra. Quest’ultimo tratto presenta una lunghezza di circa 500 metri lineari.
 
2) Percorso dalla Croce di Sanza. Partenza quota 865; arrivo quota 1.521. Questo sentiero prende origine in prossimità del passo denominato Croce di Sanza. A circa cento metri dal passo sulla Strada Provinciale 18 da Rofrano a Sanza, sulla sinistra provenendo da Rofrano, si nota l’imbocco di una pista camionabile. La pista è ben disegnata dal punto di vista del suo andamento altimetrico e non presenta alcuna difficoltà per la sua percorrenza. Dopo circa 4 km di salita, si giunge alla località Codda dell’Acero (Codda = Colla = Valico), posta a quota 1.198 mt. slm. Si devia verso sinistra e si imbocca la salita finale che porta, grazie ad uno svelto sentiero che si sviluppa sulle pendici nord del rilievo, alla vetta della Raia del Pedale. Questo percorso si caratterizza per la presenza del bosco misto, con prevalenza di nocciolo, cerro, ontano napoletano e carpino nero fino al passo della Codda dell’Acero. Da qui in poi il faggio domina il panorama arboreo fino a raggiungere la vetta, posta a quota 1.521, un’autentica cuspide da dove è possibile spaziare con lo sguardo a 360°, dalla Calabria a Capri, dal Golfo di Policastro al Monte Centaurino, dal Massiccio del Cervati alla giogaia del Monte Sacro.
 
Note
La partecipazione è gratuita per i tesserati FIE, mentre per i non tesserati è previsto un contributo assicurativo di € 5,00, previa obbligatoria comunicazione ai referenti dei propri dati anagrafici.
 
I referenti di escursione si riservano di modificare programma e percorso comunicandolo tramite il sito www.gettrek.it e sul gruppo facebook GET- Gruppo Escursionistico Trekking CULTNATURA-Rofrano (SA).
 
Per qualsiasi altra informazione puoi contattare i referenti dell’escursione, scrivere all’indirizzo info@gettrek.it o utilizzare l’apposito modulo, presente sul nostro sito.

Categoria: Escursioni

Comments are closed.