Ultima news: [Quinta edizione del Med Walking Festival – Domenica 24 settembre 2017]

GET Cultnatura

FIE - Federazione Italiana Escursionismo Sentiero del Mediterraneo E12 ERA - Eurorando FIE - Federazione Italiana Escursionismo - CAMPANIA
IL GET SI MUOVE...MUOVITI CON IL GET!
Logo GetTrek
FacebookTwitterGoogle+LinkedInGoogle GmailOknotizieYahoo MailPinterest

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Itinerario principale: Colle dell’Impiso (1575 m)– Colle Gaudolino (1673m) – Monte Pollino (2248m) – Rientro per Pollinello – Colle Gaudolino – Colle dell’Impiso – Sentiero IPV2 del PN del Pollino. Vedi avvertenza per itinerario secondario;
Luoghi e orari di ritrovo: Ore 7.00 Vallo della Lucania Distributore Agip – Ore 7.20 Centola Uscita SS18 – Ore 7.45 Sanza Uscita SS18
Mezzo di trasporto: L’escursione si svolgerà con auto proprie cercando di ottimizzare i posti disponibili.Tuttavia al fine di valutare la possibilità di noleggiare un bus di massimo 27 posti si prega di dare adesione sicura entro e non oltre mercoledì 7 alle ore 12.00.
Il noleggio (se disponibile, cosa non scontata in questo periodo) verrà prenotato al raggiungimento di min 20 adesioni in modo da contenere il costo procapite in circa 12-15 euro.
Come arrivare alla località di partenza: Colle Impiso si raggiunge dal casello autostradale di Campotenese della A3 SA/RC. Proseguire in direzione Rotonda. Dopo poco si arriva alla Cappella del Carmine, svoltare a destra per Piano Ruggio sino al Rifugio A. De Gasperi. Da qui in 4 chilometri si raggiunge uno slargo dove parcheggiare l’auto – in alternativa impostare sul navigatore Colle dell’Impiso, Viggianello (Google Maps);
Distanza:Vallo della Lucania – Colle dell’Impiso Km 160 circa pari a circa 2h e 20 minuti;
Referenti: Fabrizio (cell. 338 86 11 474) e Lello Feola (cell. 338 81 23 488).
 
Note tecniche sul percorso
Durata: intera giornata;
Difficoltà: EE (escursionisti esperti);
Dislivello totale: circa 850 mt;
Lunghezza: circa 14 km;
Pranzo a sacco a cura dei partecipanti;
Dotarsi di acqua a sufficienza (c’è solo una sorgente “Spezzavummola” raggiungibile con deviazione di circa 650m);
Obbligatorie scarpe da escursionismo e indumenti adatti con attenzione al meteo (vento, pioggia, freddo, etc.). Attenzione alta montagna per cui tempo molto variabile.
 
Descrizione del percorso
Da Colle Impiso si sale percorrendo qualche centinaio di metri e, tralasciando la sterrata sulla sinistra si sale per altri pochi metri. L’itinerario piega a destra in discesa (sempre a destra in salita il sentiero n. 920 porta direttamente su Serra del Prete) per immettersi nella faggeta posta sulle pendici Nord – Ovest di Serra del Prete e proseguire nella stessa per circa 1.200 metri in lieve discesa su fondo in terra, fino a raggiungere la radura della parte alta del secondo Piano di Vacquarro, dalla quale è visibile il versante Nord – Est di Monte Pollino, in linea d’aria distante poco più di un paio di chilometri. Al piano si incrocia e si impegna il sentiero n. 901 (tratto del Sentiero Italia Morano Calabro – Santuario della Madonna di Pollino) su pista forestale proveniente dal primo Piano di Vacquarro, in lieve salita, all’interno della faggeta, fiancheggiando il torrente Valloncello di Viggianello nell’impluvio tra le pendici di Serra del Prete e di Monte Pollino. Si continua in salita fino a sbucare nell’ampia prateria di Piano Gaudolino. Giunti al piano, si sale a sinistra portandosi al margine del bosco in alto dove, nei pressi di un grosso masso, è evidente la traccia del sentiero che in diagonale si dirige verso l’anticima Sud/Est del Pollino. Ha inizio così la ripida salita che, con unico stretto tornante sulla sinistra, conduce sulla cima del Pollino. Nella prima parte si attraversa il bosco di faggio per poi sbucare sulla nuda roccia, che ci fa risalire rapidamente di quota e avere il primo contatto con i pini loricati (circa 2.000 metri). Raggiunta la cresta Sud/Est si sale tenendosi sulla sinistra e dopo aver oltrepassato un grande pino loricato si continua in facile ascesa e si raggiunge l’anticima e successivamente la cima di Monte Pollino (2.248 m), sulla quale è presente il basso pilone con sulla sommità il triangolo metallico che indica il punto trigonometrico. A scendere si prende la direzione Sud, cercando la via migliore, fino ad aggirare da Est l’ampia dolina del versante meridionale del Pollino e raggiungere la quota 2044 m della Serra del Pollinello. Dalla Serra del Pollinello si scende nella depressione in direzione Nord-Ovest e si risale dall’altra parte fino sul ripiano di quota 1985 m dove si riprende la via d’andata riscendendo ai Piani di Gaudolino.
 
ATTENZIONE: L’escursione è impegnativa e presenta difficoltà legate al dislivello, alla lunghezza, al tipo di fondo e all’esposizione.
 
Per favorire la partecipazione di tutti, è possibile effettuare tutti insieme il primo tratto da Colle dell’Impiso ai Piani di Gaudolino. Successivamente si potranno formare due gruppi. Un gruppo affronterà l’ascesa al Monte Pollino secondo l’itinerario sopra descritto mentre un secondo gruppo potrà percorrere un tracciato più breve e facile (circa 4-5 km a/r ) in direzione Monte Pollinello (vedi note su diramazione IPV 2B) oppure in direzione Piano di Toscano (vedi note su diramazione IPV 2C) raggiungendo comunque una quota superiore ai 1800 mt, per poter ammirare i pini loricati.
In questo modo il livello di difficoltà viene limitato a E.
 
Info su diramazioni
DIRAMAZIONE IPV 2 B: Piano Gaudolino – Pollinello
La diramazione, lunga 2.515 metri, collega il versante Ovest con quello Sud del Pollino. Attraversato il Piano Gaudolino si giunge alla fontana dell’abbeveratoio, da qui sulla sinistra in leggera salita si prosegue nella faggeta delle pendici occidentali di Monte Pollino. Superato il breve ripido tratto che porta su un colle allo scoperto si svolta a sinistra e ci si immette all’interno della faggeta di Bosco Pollinello che termina sulla radura panoramica sopra Pollinello (1.820 m slm).
DIRAMAZIONE IPV 2 C: Piano Gaudolino – Piano Toscano
All’uscita del Piano, tenendosi strettamente a sinistra ai margini del bosco, si dirama il sentiero, che passando sotto la parete Nord del Pollino conduce ai Piani di Pollino. La diramazione, 1.932 metri di lunghezza, collega velocemente l’area occidentale con quella orientale di Monte Pollino, dopo l’inizio in lieve discesa prosegue in salita nella faggeta dal Bosco di Chiaromonte fino a raggiungere quota 1.830 metri. Dopo il valico continua nella faggeta, quasi in piano, e termina a poche decine di metri da Piano di Toscano (1.782 m).
 
Note
L’escursione è gratuita per i tesserati FIE, mentre per i non tesserati è previsto un contributo assicurativo di € 5,00. Si prega di comunicare ai referenti dell’escursione: cognome, nome, data e luogo di nascita.
 
I referenti di escursione si riservano di modificare programma e percorso comunicandolo tramite il sito www.gettrek.it e sul gruppo facebook GET- Gruppo Escursionistico Trekking CULTNATURA-Rofrano (SA).
 
Per qualsiasi informazione puoi contattare i referenti dell’escursione, scrivere all’indirizzo info@gettrek.it o utilizzre l’apposito modulo, presente sul nostro sito.

Categoria: Escursioni

Comments are closed.